alberelloraccontareancora-2-4Nella società contemporanea, definita dagli studiosi come complessa, cognitiva, riflessiva, ma anche digitale, iperemotiva e ipervelocizzata, emergono interrogativi e problemi inediti, sui quali occorre soffermarsi e riflettere.
È possibile sfuggire dagli abituali e omologati pensieri e stili di vita?
Troviamo ancora il tempo per la “sosta” e per l’ascolto?
Siamo capaci di accogliere nuove conoscenze, idee e culture?
O preferiamo rimanere chiusi in realtà e mondi egocentrici?
Riusciamo ad esercitare una riflessività critica, un pensiero capace di valutare i pro e i contro attraverso criteri argomentativi?
Quanto ci interroghiamo per capirci e per capire?
Diamo abbastanza spazio al dubbio e alla problematizzazione?
Prestiamo attenzione alle parole ascoltate e lette?
Quanto siamo pronti ad affrontare l’incertezza e l’inatteso?

  • Per non dimenticare, oggi e sempre. I bambini di Terezin e la giornata della memoria, 26 gennaio 2017,  (S. Blezza Picherle) [apri pdf]
  • Astrid Lindgren, Se fossi Dio … (una dolente poesia sulla violenza umana) (settembre 2016) [apri pdf]
  • Un’umanità che deraglia e un anelito di speranza, aprile 2015 (S. Blezza Picherle) [apri pdf]
  • Una rinnovata riflessività, 2010 (S. Blezza Picherle) [apri pdf]
  • Ascoltare il respiro della vita, 2010 (S. Blezza Picherle) [apri pdf]
  • Società della comunicazione e carenza d’ascolto, 2002 (S. Blezza Picherle) [apri pdf]
  • Gianni Rodari sulla creatività, 1973 (a cura di S. Blezza Picherle) [apri pdf]